6 dicembre 2017

Barrette ai cereali

Oggi è una bellissima giornata, ma  freddina  e cosa c'è di meglio di una barretta energetica per darci un pò di forza? Ecco qui stamattina ho deciso che dovevo prepararle e così mi sono messa subito all'opera. In realtà era già qualche giorno che ci pensavo , infatti avevo già acquistato tutti gli ingredienti, quindi di buon mattino le ho subito realizzate. Sono facilissime da fare , perchè non hanno bisogno di cottura. Io le ho realizzate un pò glassate alla base con cioccolato bianco, un pò al latte e alcune le ho lasciate così semplici senza glassatura. Vi assicuro che sono buonissime! Quindi eccovi la ricetta.



Ingredienti per circa 40 barrette

500 g, di fiocchi di avena
350 g. di cereali croccanti
100 g. di nocciole
100 g. di mandorle
50 g di semi vari (girasole, sesamo. papavero)
500 g. di miele millefiori
300 g. di zucchero di canna
100 g. di gocce di cioccolato
100 g. di cocco rapè
50 g. di cedro candito

Per glassare
200 g. di cioccolato bianco
200 g. di cioccolato al latte o fondente a piacere


  • In un contenitore capiente mettere tutti gli ingredienti tranne il miele , lo zucchero e la metà del cocco e mescolare bene
  • In un pentolino mettere il miele e lo zucchero e farli sciogliere a fuoco basso
  • Nel frattempo ricoprire con carta forno  una teglia 50x40
  • Quando il miele e lo zucchero saranno sciolti, versarli nella ciotola con i cereali e mescolare bene per far amalgamare tutto il composto

  • Versare nella teglia e stendere il preparato pressando bene per compattare
  • Far freddare e tagliare a barrette ne dovrebbero venire all'incirca una quarantina

  • Sciogliere il cioccolato bianco e quello al latte ( o fondente ) in due recipienti separati
  • Immergervi la barretta solo da una parte e far asciugare il cioccolato
  • Ora le barrette sono pronte , incartatele singolarmente con della pellicola
  • Conservatele in una scatola di latta


Susy

29 novembre 2017

Acquacotta alla viterbese con uovo in camicia

Buongiorno, finalmente dopo tanto tempo mi rifaccio viva, ma con una bellissima ricetta che si prepara nelle mie zone. E' vero che io sono nata a Roma, ma mi sono trasferita nel Viterbese ormai da più di venti anni e questo piatto è tipico di queste zone. Io abitando in campagna sono andata a fare la cicoria fresca nei miei campi, ma naturalmente è possibile farla con una cicoria fresca coltivata. Eccovi subito la ricetta.



Ingredienti per 4 persone:

1 Kg di cicoria possibilmente di campo
4 patate grandi
2 spicchi di aglio
1 cipolla rossa grande
200 g. di pomodorini rossi
olio evo,sale e peperoncino
un rametto di mentuccia ( se possibile selvatica)
3 litri di brodo vegetale
4  fette di pane raffermo e tostato
4 uova in camicia
pecorino grattugiato


  • In una pentola mettere l'olio con il peperoncino, l'aglio a pezzetti e la cipolla tagliata fine
  • Far rosolare un pochino quindi aggiungervi la cicoria pulita e un pochino tagliata nel caso fosse un pò lunga, se si usa quella di campo è già piccolina quindi non serve.
  • Aggiungere anche le patate tagliate a pezzi grandi in modo che non si sfaldino in cottura.
  • Tagliare a metà i pomodorini e metterli nella pentola, quindi aggiungere la mentuccia e i tre litri di brodo vegetale.
  • Far cuocere  a fuoco basso così si insaporiranno bene gli ingredienti,e se ce ne fosse bisogno aggiungere eventualmente dell'acqua calda
  • Prendere dalla pentola un pò di brodo e metterlo in un pentolino dove poi si cuoceranno le uova.
  • A cottura ultimata la zuppa non dovrà essere troppo brodosa, nel caso lo fosse alzare il fuoco e far ritirare il brodo. Regolate di sale.
  • Preparare le uova in camicia utilizzando il brodo messo precedentemente da parte, aggiungervi un cucchiaio di aceto e far appena sobbollire, a questo punto versare l'uovo in una ciotolina stando attenti a non farlo rompere e versarlo delicatamente nel pentolino dove con una frusta avrete creato un vortice, continuare a mantenere il vortice con un cucchiaio e vedrete che la chiara si avvolgerà intorno all'uovo. Quando la chiara sarà completamente avvolta con una paletta forata tirare su l'uovo e metterlo da parte.
  • Passiamo ora a comporre il piatto  mettendo sul fondo la fetta del pane
  • Aggiungere con un mestolo fondo la zuppa , posizionarvi sopra l'uovo in camicia, un filo di olio a crudo e volendo un'alra fettina di pane tostato.
  • Spolverare il tutto con pecorino grattugiato o parmigiano se non gradite il sapore forte
La vostra acquacotta è pronta non vi resta che gustarla!!




Susy
 

26 agosto 2017

Polpette di amaranto melanzane e zucchine

Buongiorno! Mamma mia quanto tempo che non mi dedico al mio blog, ma voglio rifarmi subito, infatti voglio postarvi la ricetta di un piatto che ho preparato un paio di giorni fa e che mi è piaciuto molto. Partendo dal fatto che amo provare sempre alimenti nuovi, chi mi segue sa che adoro le farine grezze,e utilizzo molto di più lo zucchero di canna integrale al posto del semolato, mi sono recata in uno dei negozi di Natura Si e ho trovato oltre alla quinoa anche l'amaranto. Per chi come me non  ne avesse mai sentito parlare è in granelli come la quinoa, ma con un sapore molto simile alla nocciola. Cercando un pò sul web ho visto come poterla utilizzare e una volta capito come si sarebbe presentata una volta cotta ho provato a fare delle polpette, essendo questo alimento un finto cereale, infatti è proteico e non contiene carboidrati, si presenta con un'aspetto un pò gelatinoso, quindi molto adatto anche a zuppe. Io ho accompagnato le polpette con una maionese di avocado e ho preparato qualche tortino. Ora dopo queste informazioni eccovi la ricetta.



Ingredienti per 16 polpette:
250 g. di amaranto
500 g. di acqua
2 zucchine grandi
2 melanzane medie
2 spicchi di aglio
3 cucchiai di ceci lessati
olio,sale e pepe q.b

Per la maionese di avocado:
1 avocado maturo
2 cucchiai di yogurt bianco magro
1 lime
1 cucchiaio di olio
                                      sale e pepe                                             
                                                                                                 
                                                                                                                                                                                            
                                                                              


  • Sciacquare in un colino l'amaranto, versarlo nella pentola con i 500 g di acqua e far cuocere a fuoco lento per circa 40min o finchè non si sarà assorbita l'acqua quindi spegnere e coprire
  • Lasciar raffreddare

  • Nel frattempo tagliare a cubetti le melanzane con i pomodorini e cuocerli in padella con uno spicchio d'aglio e un filo di olio regolare di sale e pepe

  • Procedere nello stesso modo per le zucchine

  • Quando tutti gli ingredienti sono cotti, far raffreddare, aggiungerli all'amaranto ormai freddo e ai ceci lessati e schiacciati


  • Mescolare bene e fare delle polpette

  • Adagiarle in una teglia con carta forno appena unta con un filo di olio
  • Far cuocere per una ventina di minuti nel forno a 170° quindi girarle e farle dorare anche dall'altra parte. Diventeranno belle croccanti.
  • Preparare ora la maionese di avocado mettendolo a pezzi nel contenitore del frullatore ad immersione, aggiungervi lo yogurt,il succo del lime, il sale, il pepe e l'olio
  • Frullare il tutto fino ad ottenere una bella crema densa
  • Impiattare le polpette e fare delle quenelle con la maionese di avocado
E queste sono le foto per il tortino!



Buon appetito!
Queste polpette sono adatte  ai vegetariani, vegani e ai celiaci essendo totalmente prive di glutine.

Susy

18 luglio 2017

Biscotti saraceni al cremino di nocciole di Luca Montersino

Eccomi di nuovo qui, oggi voglio postarvi la ricetta di questi fantastici biscotti. La ricetta è del mio maestro preferito Luca Montersino, li ho preparati qualche tempo fa ma non ho mai avuto il modo di pubblicarla, oggi aprendo la pagina facebook del blog ho visto la foto e quindi ho deciso subito di pubblicarli. Non sono difficili da fare solo un consiglio fatene in grandi quantità perchè sono talmente buoni che creano dipendenza!! Io ne ho preparati un bel pò e li ho congelati, quando servono bastano pochi minuti (se si resiste) e sono pronti.



Ingredienti

Per la frolla saracena

240 g. di zucchero di canna
100 g. di nocciole tostate
140 g. di mandorle non pelate
100 g. di farina di grano saraceno
150 g. di farina di riso
200 g. di burro
30 g. di uova

Per il cremino alla nocciola

100 g. di cioccolato bianco
50 g. di cioccolato al latte
35 g. di pasta di nocciole
20 g. di burro di cacao

Per la finitura

60 g. di cru di cacao in granella
40 g. di nocciole in granella
cioccolato fondente


  • Ridurre in polvere le nocciole, le mandorle, lo zucchero di canna, la farina saracena e quella di riso fino ad ottenere un impasto omogeneo
  • Versare il tutto nell'impastatrice con la foglia e aggiungere il burro ammorbidito e in ultimo l'uovo
  • Impastare il tutto e riporre in frigorifero
  • Quando l'impasto si sarà rassodato stenderlo fino allo spessore di un cm
  • Ricavare tanti dischetti della misura dello stampo in silicone che verrà utilizzato per la cottura

  • Inserire il dischetto di impasto e cuocere a 150° per 15 min circa
  • Lasciar freddare nello stampo
  • Nel frattempo preparare il cremino sciogliendo il cioccolato bianco, quello al latte e il burro di cacao, quindi miscelare il tutto aggiungendo la pasta nocciole e raffreddare velocemente fino a 26°
  • Colare il cremino sopra i biscotti ormai freddi e spolverare con la granella di nocciole e il cru di cacao e riporre in frigo

  • A piacere una volta estratti dagli stampi si possono glassare con del cioccolato fuso
Se non si riesce a trovare il cru di cacao si può sostituire con delle gocce di cioccolato o delle palline piccole di cereali



Susy

14 luglio 2017

Ciambella salata allo yogurt e verdure

Qualche settimana fa mi chiama mia zia al telefono, chiedendomi se conoscevo una ricetta per una torta salata che voleva portare ad una riunione con delle amiche. Lei ne aveva vista una , ma non ricordava gli ingredienti,allora le ho detto che avrebbe potuto fare la dose del mio ciambellone allo yogurt, ma togliendo lo zucchero e inserendo delle verdure ed è nata la ciambella salata che ha riscosso tanto successo, perchè è buonissima e sofficissima oltre ad essere velocissima da fare. Ecco quindi la ricetta, questa ciambella è comodissima da portare in spiaggia, perchè è leggera ma sostanziosa e può sostituire un primo piatto, e accompagnata ad un pò di frutta fresca è un bel pasto. A voi la ricetta.




Ingredienti:
2 zucchine 
2 carote
1 piccolo scalogno
3 uova intere
1 vasetto di yogurt bianco magro
1 vasetto di parmigiano grattugiato
1 vasetto di olio di semi
3 vasetti di farina
1 bustina di lievito istantaneo per torte salate
sale e pepe  olio evo q.b
50 g. di prosciutto cotto o altro salume a piacere
50 g. di formaggio tipo groviera

  • Pulire le zucchine e le carote e tagliarle a julienne
  • Tagliare a cubetti il formaggio e il prosciutto cotto
  • In una padella mettere un filo di olio con un piccolo scalogno
  • Aggiungere le verdure , salare e pepare e portare a cottura
  • Lasciar raffreddare
  • In una ciotola o nella planetaria mettere le uova, lo yogurt e il parmigiano e mescolare
  • Aggiungere la farina, il lievito ,l'olio e le verdure ormai fredde
  • Versarvi anche i cubetti di formaggio e prosciutto cotto
  • Mescolare bene e regolare di sale e pepe

  • Versare il composto in uno stampo da ciambella
  • Cuocere in forno a 170° per circa 1 ora
  • Sfornare, lasciar intiepidire e servire

Susy

8 luglio 2017

Torta perla rubino in monoporzioni

Come sapete io adoro tutto ciò che crea il maestro Luca Montersino, io ho sempre amato cucinare , ma preparavo cose semplici e casarecce, fino a quando un giorno guardando la televisione mi sono imbattuta in un programma sulla rete satellitare del quale lui era protagonista. Il suo modo di fare, la sua competenza e la chiarezza con la quale spiegava tutti i passaggi dei dolci da lui creati, mi hanno letteralmente ipnotizzata e da allora ho cominciato ad avvicinarmi ad una pasticceria più complessa sì, ma anche molto molto più buona. Con mio stupore sono riuscita a preparare cose che mai avrei pensato di poter fare. Un pò di tempo fa ho preparato la famosa Perla rubino, certo c'è ancora molto da perfezionare , ma la bontà è stata tale da non far notare i difettucci che immancabilmente si erano venuti a creare, ma che solo un occhio ben esperto avrebbe potuto vedere, infatti i miei commensali hanno divorato queste monoporzioni, ed oggi voglio proprio darvi la ricetta. Ci sono un pò di passaggi ma se la proverete la amerete così come è successo a me.



Ingredienti:
Per la bavarese al cioccolato bianco
250 g. di latte intero fresco
50 g. di zucchero semolato
100 g. di tuorli
10 g. di colla di pesce in fogli
250 g. di cioccolato bianco 
500 g. di panna fresca
vaniglia

Per la geleè ai frutti rossi
200 g. di purea di fragole
200 g. di purea di lamponi
200 g. di purea di ribes rosso
180 g. di zucchero semolato
10 g. di colla di pesce
70 g. di destrosio
1 g. di acido citrico in polvere

Per la glassa bianca
300 g. di panna
500 g. di cioccolato bianco
60.g di sciroppo di glucosio
10 g. di colla di pesce
5 g. di latte in polvere

Per la finitura
300 g. di pan di spagna




  • Fare la bavarese mettendo a bollire il latte, versasrlo sui tuorli lavorati con lo zucchero e continuare a cuocere mescolando fino a portare il composto a 85° togliere dal fuoco
  • Aggiungere la gelatina dopo averla ammorbidita in acqua fredda
  • Aggiungere il cioccolato bianco a pezzetti e la vaniglia emulsionare il tutto con un frullatore ad immersione
  • Lasciar freddare e quando il composto ha raggiunto i 4° emulsionare di nuovo e aggiungere la panna montata
  • Preparare ora la geleè ai frutti rossi mescolando le purea di frutta, scaldarne la metà e aggiungervi lo zucchero, il destrosio e la gelatina ammorbidita, quindi amalgamare alla restante purea e aggiungere l'acido citrico
  • Mettete il tutto in un quadro di acciaio cospargete con qualche cubetto di pan di spagna e mettete in congelatore
  • Disponete nel fondo delle monoporzioni un disco di pan di spagna e uno strato di bavarese
  • Coppate della misura della monoporzione la geleè e inseritela nello stampo
  • Aggiungete ancora bavarese fino all'orlo e mettete in congelatore
  • Per la glassa bianca, portate a bollore la panna con lo sciroppo di glucosio e il latte in polvere
  • Unite il cioccolato e la gelatina ammorbidita e mescolate bene
  • Togliete dallo stampo le monoporzioni, adagiatele su una gratella e ricoprite con la glassa bianca
  • Decorate con i frutti di bosco e gustatevela in tutta la sua bontà
Io ho preparato le monoporzioni, ma ovviamente si può fare una torta unica,e sicuramente l'assemblaggio richiederà meno tempo.


Io mi sono divertita anche a decorarle così!



Susy



27 giugno 2017

Ravioli ricotta e spinaci con sugo di pomodoro e basilico

Questa settimana facendo la spesa nel mio mercato di fiducia, ho trovato delle fantastiche uova di papera, per chi non le conoscesse hanno una dimensione notevole, ed equivalgono a circa tre uova di gallina ma sono ottime per fare la pasta all'uovo. Appena rientrata a casa ho pensato subito di fare dei bei ravioli, avendo comprato anche della ricotta fresca. E' un lavoro un pò lungo, ma ne vale senza dubbio la pena per mangiare un prodotto di una bontà infinita. Quando cucino i ravioli mi piace utilizzare un sugo semplice proprio per gustarne appieno il sapore quindi ho preparato un semplicissimo sugo al pomodoro e basilico e il primo piatto è pronto. La ricetta qui di seguito.



Ingredienti:
Per i ravioli
2 uova di papera
600 g. di farina di grano duro
500 g. di spinaci lessati
700 g. di ricotta di pecora
una grattata di noce moscata
sale e pepe q.b
un paio di cucchiai di parmigiano o grana grattugiato

Per il sugo
Una bottiglia di polpa di pomodoro (io uso quella fatta in casa)
Alcune foglie di basilico fresco
olio evo sale e pepe q.b
1 spicchio di aglio

parmigiano o pecorino a piacere




  • In una planetaria mettere le uova e la farina e impastare bene il tutto fino a formare un panetto omogeneo

  • Stendere l'impasto e copparlo con un cerchio

  • Nel frattempo preparare in una ciotola gli spinaci lessati e tritati e mescolarli con la ricotta, una grattata di noce moscata il sale e il pepe
  • Mettere un cucchiaio di farcia sul disco di pasta e chiudere con una forchetta a mezzaluna

  • Mettere sul fuoco una pentola con abbondante acqua e portare ad ebollizione
  • Preparare ora il sugo mettendo in un tegame l'aglio olio e peperoncino, versare la salsa di pomodoro e portare a cottura aggiungendo alcune foglie di basilico fresco

  • Cuocere i ravioli, scolarli e condirli con la salsa di pomodoro e una manciata di formaggio grattugiato a piacere

Susy

LinkWithin

.