11 giugno 2018

Polpette di zucchine e melanzane con panatura di gallette di mais

Buongiorno! Eccomi qui dopo un fine settimana a preparare cose buone per i miei cari. Ho cucinato tantissimo perchè mio marito mi ha regalato l'abbattitore, che mi è stato consegnato a metà settimana,e che non vedevo l'ora di provare. Infatti ha lavorato alacremente per tutto il giorno, aiutandomi nelle varie preparazioni, con la sicurezza di dare così un prodotto sano e che si conserva tranquillamente tutta la settimana in frigo senza aver paura di  contaminazione batteriche, e che mi ha permesso anche di cucinare cose che avevano tempi lunghi di raffreddamento. Tra le varie pietanze che ho cucinato e che pian piano pubblicherò, cominciamo con la mia versione delle polpette vegetali. Sono venute buonissime e voglio proprio darvi la ricetta!



Ingredienti per 26 polpette:

La polpa di tre melanzane
La polpa di 5 zucchine grandi
1 uovo intero
un ciuffo di prezzemolo
1 spicchio di aglio
3 cucchiai di pangrattato
2 cucchiai di pecorino o parmigiano
20 mandorle pelate
sale e pepe q.b
6-7 gallette grandi di mais
1 cucchiaio di olio per ungere
sugo di pomodoro q.b per decorare

  • Scavare le zucchine e le melanzane, che verranno usate per essere riempite in una seconda preparazione
  • Mettere in un mixer la polpa e aggiungere le mandorle, il prezzemolo e l'aglio
  • Frullare bene quindi mettere il tutto in una ciotola
  • Aggiungere l'uovo, il pangrattato e il pecorino, regolare di sale e pepe e mescolare bene

  • Tritare le gallette di mais per fare la panatura

  • Formare delle polpette, spolverarle con le gallette tritate e adagiarle su una teglia rivestita di carta forno e unta con un filo di olio

  • Infornare a 180° finchè non diventano dorate
  • Servire con un paio di cucchiai di sugo di pomodoro e basilico
Se l'impasto dovesse essere un pò troppo molle (le zucchine rilasciano un pò di acqua) aggiungere un  cucchiaio di gallette tritate, anche se comunque risulterà sempre morbido ma compatto



Susy

8 giugno 2018

Cous cous di timilia con zucchine olive nere e pomodorini

Finalmente il caldo è arrivato e cosa c'è di meglio che cucinare dei piatti freddi che si possono preparare in anticipo e gustare anche in riva al mare o, come nel mio caso ai bordi della piscina? Ecco perchè oggi voglio proporvi  un cous cous diverso , infatti ho usato un grano antichissimo siciliano, che è povero di carboidrati e zuccheri, ma contiene proteine. Io l'ho preparato con le zucchine e fiori di zucca, pomodorini e olive nere e guarnito con qualche ciliegina di mozzarella. Provatelo!



Ingredienti per 4 persone:

320 g. di cous cous di timilia
320 g. di acqua
150 g di pomodorini ciliegini
100 g. di olive nere denocciolate
2 zucchine romanesche grandi
8 fiori di zucchina
1 spicchio di aglio
olio evo, sale e pepe q.b
8 ciliegine di mozzarella
qualche foglia di basilico

  • In una padella tagliare a cubettini le zucchine e i fiori di zucca e cuocerli con un filo di olio e uno spicchio di aglio intero
  • Nel frattempo in un tegame mettere 320 g. di acqua con un filo di olio e un pizzico di sale
  • Appena comincia a bollire spegnere il fuoco e versarvi il cous cous e coprire
  • Far passare una decina di minuti, quindi sgranare il cous cous con una forchetta
  • In un'insalatiera mettere il cous cous, le zucchine ormai fredde, i pomodorini tagliati in quattro e le olive a rondelle
  • Aggiungere qualche fogia di basilico e le ciliegine di mozzarella tagliate a metà
  • Regolare di sale pepe ed olio
  • Mescolare bene e servire
Io ho usato questi ingredienti, ma si può usare la verdura che più piace ovviamente




Susy


4 giugno 2018

Pane fiore d'estate

Buona giornata, venerdì era giornata di rinfresco dei miei lieviti madre, quello a pasta solida e quello liquida, avendone una discreta quantità ho deciso di panificare un pò, visto che era qualche settimana che non lo facevo. Quindi ho voluto provare a fare il Fiore d'estate, un bel pane a forma di fiore che ho visto pubblicato in uno dei vari gruppi facebook a cui sono iscritta. Certo quello della sig. Carla era decisamente più bello, però anche il mio devo dire che , a parte un'esplosione in lievitazione, che ha un pò modificato la forma originale, devo dire che non è venuto male, ma soprattutto è buonissimo. Come al mio solito da qualche tempo in qua, ormai utilizzo solo farine grezze, questa volta ho usato un grano antichissimo, la timilia che è povero di carboidrati e zuccheri, ho aggiunto anche della semola rimacinata, ed è venuto questa bontà. Voglio proprio darvi la ricetta.



Ingredienti:

500 g. di farina di timilia o tumminia
500 g. di semola rimacinata di grano duro
15 g. di malto
150 g. di pasta madre solida
110 g. di licoli ( pasta madre liquida)
1 cucchiaino di sale
700 g. di acqua
3 cucchiai di olio
semi di sesamo e papavero q.b.


  • Nella planetaria mettere tutti gli ingredienti e impastare bene per almeno 20 minuti
  • Quando l'impasto sarà ben incordato e si staccherà dalle pareti spegnere la macchina
  • Lasciar riposare una mezz'ora, quindi trasferire l'impasto sul piano e fare due giri di pieghe a tre, lasciar riposare coperta per una mezz'ora
  • Fare di nuovo due giri di pieghe a tre  poi mettere in una ciotola coperta e in frigo per 12 ore
  • Togliere dal frigo e pesare l'impasto dividerlo in 7 pezzi
  • Con un pezzo fare un quadrato e stenderlo su di una teglia

  • Con gli altri formare delle palline e pirlarle

  • Una deve essere ricoperta con semi di papavero e va al centro del quadrato, le altre 5 dovranno essere ricoperte con dei semi di sesamo e posizionate tutto intorno

  • Alzare le quattro punte del quadrato e accostare il resto dell'impasto alle varie palline
  • Tenere bene stretto il tutto con un giro di carta forno fatto a mo di cintura, servirà per contenere l'impasto in lievitazione

  • Mettere in forno con la luce accesa per circa 4-5 ore

  • Cuocere a 190 ° finchè non risulterà cotto, per evitare di farla colorare troppo sopra coprirla con un foglio di carta forno o di alluminio da togliere quasi a fine cottura

Come si vede dalle foto, la mia nonostante la cintura è uscita fuori in cottura e si è tutta unita, pazienza il risultato della bontà però non è cambiato, la prossima volta verrà meglio!

Susy

21 maggio 2018

Crostata salata integrale alle verdure

Buona giornata e buon inizio settimana! Lo so il lunedì è dura, ricominciare il lavoro dopo il week end non è il massimo, però oggi voglio deliziarvi con una ricettina golosa e naturale da preparare in anticipo perchè è buonissima anche fredda. Può essere utilizzata come antipasto in un buffet o anche al posto della classica pizza. Per la realizzazione ho usato tutta farina integrale, ecco qui la ricetta.



Ingredienti per la frolla:
 per uno stampo da 26 cm di diametro

300 g. di farina integrale
50 g. di olio di semi
100 g. di acqua
sale, pepe q.b.

Per il ripieno:
1 zucchina a fette
10 pomodorini
3 fiori di zucca
100 g. di ceci cotti (io ho usato quelli neri delle mie zone)
1 fetta di melanzana grigliata
sale pepe e olio evo q.b


  • Nella planetaria mettere la farina integrale l'olio l'acqua il sale e un pizzico di pepe
  • Impastare fino a formare una bella palla liscia
  • Coprire con la pellicola e tenerla in  frigo per almeno una mezz'ora
  • Trascorso il tempo stendere l'impasto e metterlo nella tortiera

  • Frullare i ceci con un filo di olio e un pizzico di sale e stenderli sull'impasto

  • Disporre a raggiera i fiori di zucca e le zucchine a fette e tutt'intorno anche i pomodorini
  • Al centro mettere una fetta di melanzana 
  • Irrorare il tutto con un filo di olio e una spolverata di sale e pepe

  • Infornare a 180° finchè non risulta bella dorata e croccante
  • Servire sia calda che fredda

Io ho usato queste verdure perchè le avevo in casa, ovviamente con lo stesso procedimento si possono scegliere  le verdure che più piacciono, oppure fette di salmone affumicato o formaggi e salumi a piacimento, la base rimane sempre la stessa.Ovviamente con le verdure è anche una ricetta light il che non guasta!

Susy

19 maggio 2018

Fieno canepinese Fanelli con salsa di tartufo e nocciole dei Monti Cimini

Buon fine settimana! Oggi voglio condividere la ricetta di questo piatto che ho preparato qualche giorno fa.  Ho utilizzato un tipo di pasta che viene prodotta dalle mie parti e in particolar modo dal famosissimo Pastificio Fanelli, di solito viene servito con un semplice sugo di pomodoro, ma io già l'ho realizzato in altro modo, come potrete vedere c'è qui nel blog una ricetta con un ragù di coniglio, ma questa volta avevo della salsa di tartufo  umbro e delle nocciole dei monti cimini, quindi prodotti della zona e quindi si può dire a km 0. Chi mi segue sa che cerco sempre prodotti genuini e del territorio ed ecco il perchè di questo piatto. E' semplicissimo da fare quindi eccovi la ricetta. Se ne avete la possibilità acquistate questa pasta perchè ne vale veramente la pena.



Ingredienti per 4 persone:

400 g. di fieno canepinese Fanelli
4 cucchiai di salsa al tartufo
4 cucchiai di nocciole tostate e tritate
olio evo sale e pepe q.b
parmigiano grattugiato a piacere


  • Mettere sul fuoco una pentola piena d'acqua e portare a bollore
  • Nel frattempo in una padella mettere un giro di olio e aggiungere la salsa di tartufo una macinata di pepe e u  paio di cucchiai di granella di nocciole
  • Cuocere il fieno e quando è al dente scolarlo e versarlo nella padella con la salsa

  • Mantecare bene e servire spolverando il piatto con la restante granella e a piacere un pochino di parmigiano grattugiato

Susy

17 maggio 2018

Quinoa bianca e nera con zucchine fiori di zucca e champignon

Eccomi di nuovo qui, dopo un pò di assenza, dovuta anche ad una piccola e meritata vacanza all'Isola d'Elba, oggi voglio proporre un piatto che ho cucinato la scorsa domenica e che ho realizzato utilizzando la quinoa. Per chi non la conoscesse, sono dei piccoli semini che si gonfiano a contatto con l'acqua, sono poverissimi di carboidrati e zuccheri, e possono essere usati anche dai celiaci , perchè privi di glutine e ricchi di proteine. Hanno un piacevolissimo sapore e si prestano a essere usati in diversi modi. Io l'ho preparata così con le verdure a dadini. Eccovi la ricetta:



Ingredienti per 4 persone:
300 g di quinoa bianca e nera ( si trova già confezionata così nei negozi)
4 zucchine romanesche belle grandi
4 funghi champignon grandi
5-6 fiori di zucchina
1 scalogno
sale, pepe e olio evo q.b
1/2 bicchiere di vino bianco
300 g. di brodo vegetale

  • Tagliare le verdure e lo scalogno a cubetti
  • Mettere il tutto in una padella  con un filo di olio e  far soffriggere
  • Sfumare con il vino bianco quindi aggiungere la quinoa
  • Mescolare bene e versare anche il brodo vegetale

  • Cuocere la quinoa a fuoco lento finchè non avrà assorbito tutto il brodo
  • Assaggiare per vedere se la quinoa è ancora croccante, nel caso aggiungere ancora un pochino di brodo
  • Quando i semini appariranno quasi trasparenti spegnere il fuoco e impiattare
  • Spolverare con una manciata di parmigiano grattugiato se si desidera


Susy


9 aprile 2018

Torta ricotta e pere

Finalmente le giornate si sono allungate, la bella stagione sta arrivando, ma la voglia di cucinare non mi passa, anzi voglio sempre provare ricette nuove. Il giorno di Pasqua oltre alla solita colomba ho voluto servire ai miei ospiti un nuovo dolce, che avevo gustato ad ottobre quando ero andata sulla costiera amalfitana. Ero lì da quelle parti e vuoi non fermarti a Minori nella storica pasticceria di Sal de Riso? Ovvio che ci sono andata ! E proprio lì ho gustato la famosissima  Torta ricotta e pere. E quindi il giorno di Pasqua ho voluto proprio realizzarla. Devo dire che nonostante non abbia trovato il distillato di pere, che ho sostituito con un pò del mio limoncello,avevo una ricotta del pastore freschissima e delle buonissime pere, il risultato è stato fantastico, una sofficità e una delicatezza che non pensavo di riuscire ad ottenere e che era quasi uguale a quella che avevo mangiato dal famoso pasticcere! Voglio proprio darvi la ricetta, non è difficile realizzarla, forse ci sono un bel pò di passaggi , ma ne vale la pena!



Ingredienti:

Per il pan di spagna:
180 g di nocciole tostate e ridotte in farina
130 g. di zucchero
300 g di uova intere
60 g di farina
100 g di burro fuso

Per la mousse di ricotta:
600 g di ricotta
200 g. di zucchero
250 g. di panna montata
10 g. di gelatina in fogli
vaniglia q.b.

Per la bagna alle pere:
200 g. acqua
la buccia delle pere
140 g. di zucchero
100 g. distillato di pere 


Per le pere spadellate:
350 g. di pere sbucciate a cubetti
100 g. di zucchero
6 g. di amido di mais
20 g. distillato di pere
1/2 limone

Per la decorazione
zucchero bucaneve
pere caramellate o frutta a piacere


  • Preparare il pan di spagna montando bene le uova con lo zucchero fino ad ottenere un composto spumoso
  • Aggiungere con una spatola le farine miscelate e alla fine il burro fuso
  • Mettere in una teglia stendendo il composto all'altezza di un cm e cuocere a 180° per 10 minuti

  • Nel frattempo preparare la mousse di ricotta montando la ricotta con lo zucchero fino ad ottenere un composto bello liscio, quindi aggiungere la vaniglia , la panna montata e la gelatina ammorbidita e sciolta in un cucchiaio del composto e tenere da parte


  • Sbucciare le pere e con le bucce preparare la bagna mettendole in un pentolino con l'acqua e lo zucchero, portare a bollore e cuocere per 5 minuti, quindi aggiungere il distillato di pere e spegnere il fuoco e far freddare

  • Tagliare a cubettini le pere, mettere in una padella un filo di olio e aggiungervi le pere con lo zucchero, l'amido e il mezzo limone farle cuocere finchè non diventano morbide ma ancora belle sode, sfumarle con il distillato di pere e far freddare


Montaggio della torta:
Con un cerchio del diametro di 24 cm e coppare 2  dischi di pan di spagna

  • Nel cerchio mettere un foglio di acetato per agevolare poi lo smontaggio della torta, posizionarlo sul piatto di portata e adagiarvi sopra il disco di pan di spagna

  • Con la bagna precedentemente preparata inumidire bene il disco
  • Dividere a metà la mousse di ricotta e fare un primo strato
  • Coprire con le pere spadellate

  • Fare un nuovo strato di mousse
  • Ricoprire il tutto con il secondo disco di pan di spagna e inumidirlo un pò con la bagna
  • Mettere in congelatore per due ore
  • Trascorso il tempo, togliere l'anello e decorare la torta con  dello zucchero a velo


Poichè mi è stato impossibile trovare il distillato di pera, ho usato il limoncello fatto in casa, ho inoltre decorato la torta con lamponi freschi e una pera caramellata e ho usato lo zucchero a velo bucaneve che è idrorepellente, quindi non viene assorbito dal dolce bagnato

La lavorazione è un pò lunga ma vi assicuro che il risultato è fantastico!

Susy

LinkWithin

.